Sospensione lavoro colf e badanti in emergenza Coronavirus: ecco le strade percorribili

lavoro colf e badandi emergenza coronavirus - netcolf

Come abbiamo appreso dal Dpmc del 22 marzo l’attività di lavoro domestico continua a proseguire regolarmente anche se in questo periodo di emergenza le famiglie possono decidere di sospendere la collaborazione con il collaboratore domestico ricorrendo a 3 soluzioni:

– utilizzo di permesso retribuito soluzione avallabile nel caso di un impiego per poche ore alla settimana

– fruizione delle ferie qualora ve ne siano di residue. In questo caso l’assenza retribuita potrebbe essere combinata con il permesso non retribuito in modo da trovare un bilanciamento tra oneri a carico del datore di lavoro e penalizzazione per la collaboratrice.

– altra soluzione è l’anticipazione di quote del trattamento di fine rapporto.                 

Si lascia inoltre aperta la possibilità di accesso del collaboratore al Fondo per il reddito di ultima istanza, istituito dall’articolo 44 del decreto legge 18/2020 che dovrebbe fornire misure di sostegno al reddito ai lavoratori che hanno cessato, ridotto o sospeso l’attività a seguito dell’emergenza coronavirus.

 

Chi siamo

NetColf è uno strumento rapido, economico, sicuro ed altamente specializzato, rivolto unicamente alle famiglie. NeColf semplifica l’assunzione e la gestione di collaboratori domestici nel rispetto della normativa vigente.

Contatti