Il costo di un collaboratore familiare



By
Net Colf
09 Novembre 18
0
comment
Colf e badanti

Se voglio assumere un collaboratore familiare (baby sitter, domestica, maggiordomo, badante, giardiniere) devo pormi il problema di quanto mi costa e quali sono gli oneri a cui devo sottostare.

Per prima cosa è bene fare riferimento al contratto collettivo vigente per i collaboratori domestici, dove il datore di lavoro è un privato cittadino ed il collaboratore familiare è un soggetto destinato alle incombenze familiari.

In funzione delle mansioni svolte ogni figura professionale ha un livello di appartenenza ed una retribuzione.

Bisogna rifarsi al contratto per avere una dimensione del minimo da corrispondere, anche se ogni domestica ed ogni badante, come pure il maggiordomo o il giardiniere, se qualificato chiedono un compenso che va oltre il minimo contrattuale.

Al compenso da corrispondere, non bisogna trascurare che vanno aggiunti il costo della gratifica Natalizia, ferie, contributi, trattamento di fine rapporto di lavoro, etc……

Per cui il costo va considerato attentamente e magari farlo valutare da persone deputate.

Non conviene sicuramente non assicurare il personale, anzi bisogna stare molto attenti, farsi seguire onde evitare sgradevoli sorprese.

Non bisogna dimenticare che la domestica, la baby sitter, la badante, il giardiniere, il maggiordomo, sono dei lavoratori dipendenti e come tali vanno trattati.

 

Si consiglia di leggere gli approfondimenti sul seguente articolo: Costo del lavoro domestico

 

Netcolf.it propone offerte per seguire il datore di lavoro nella corretta gestione di tutte le incombenze burocratiche al fine di regolarizzare il rapporto di lavoro con colf e badanti (contratti, busta paga, tfr, ecc.).