ORARIO DI LAVORO E RIPOSI DI COLF E BADANTI



By
Net Colf
15 Maggio 19
0
comment
tata baby sitter

ORARIO DI LAVORO E RIPOSI DI COLF E BADANTI

Il datore di lavoro domestico che intende instaurare un rapporto lavorativo con una colf o con una badante deve inevitabilmente indicare l’orario di lavoro tanto nella lettera di assunzione, quanto in fase di comunicazione del rapporto all’INPS.

Tale indicazione risulta essere fondamentale  al fine di determinare la quantità di tempo che il lavoratore subordinato si impegna ad “offrire” al datore di lavoro e la relativa retribuzione che deve essere proporzionata al lavoro posto in essere.

Nella determinazione dell’orario di lavoro, il datore deve attenersi  a quanto stabilito dal contratto collettivo di settore o, in generale, alla legge.

  • Gestione collaboratrice domestica
  • Offerta mensile
  • – Regolarizzazione contrattuale
    – Gestione delle buste paga
    – Versamento dei contributi
    – Liquidazione e licenziamento
  • Abbonati ora

L’art. 15, CCNL Lavoratori domestici, sancisce che l’orario di lavoro può essere concordato dalle parti interessate, fermo il rispetto di un limite massimo giornaliero e settimanale che varia a seconda che la prestazione sia erogata oppure no in regime di convivenza.

Per i lavoratori non conviventi, infatti, il limite giornaliero è fissato in 8 ore, non consecutive, per un totale di 40 ore settimanali, distribuite su 5 o 6 giorni.

Per i lavoratori conviventi, invece, il limite è di  10 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali.

 

Part Time

Datore di lavoro e lavoratore possono accordarsi per un orario di lavoro che sia inferiore alle 40 ore settimanali per i non conviventi e alle 52 ore settimanali per i conviventi.

In quest’ultimo caso, però, è necessario specificare che l’applicazione di un orario ridotto è possibile solo se si rispettano determinate condizioni, in quanto:

  • Possono essere assunti con un contratto part time solo i lavoratori conviventi inquadrati nei livelli C, B e B super, nonché gli studenti di età compresa fra i 16 e i 40 anni frequentanti corsi di studio al termine dei quali viene conseguito un titolo riconosciuto dallo Stato ovvero da Enti pubblici;
  • Il numero massimo di ore possibili in presenza di part time deve essere di 30 ore settimanili, per le quali il CCNL di categoria prevede una retribuzione fissa, ossia non proporzionata alle ore effettive di lavoro in quanto queste rilevano solo ai fini del calcolo contributivo;
  • La collocazione dell’orario di lavoro è vincolato a determinate fasce, ossia la prestazione deve essere erogata tra le ore 6.00 e le ore 14.00, tra le ore 14.00 e le ore 22.00 oppure nel limite massimo di 10 ore al giorno non consecutive, in non più di tre giorni settimanali;
  • Il part time deve risultare da atto scritto da cui si evince l’orario di lavoro effettivamente concordato e la sua collocazione temporale.

 

Riposi giornalieri e settimanali

In generale, quindi, la prestazione lavorativa  deve essere contenuta entro limiti quantitativi di durata (delineati dai contratti collettivi o, in mancanza, dalla legge) al fine di consentire al lavoratore il pieno recupero delle energie psicofisiche mediante il godimento di precisi periodi di riposo.

Nel caso di specie, infatti, il lavoratore domestico ha diritto a:

  • 11 ore di riposo giornaliero ogni 24 ore;
  • 24 ore consecutive a titolo di riposo settimanale da godere (salvo accordi diversi) la domenica, per i lavoratori non conviventi;
  • 36 ore di riposo settimanale, di cui 24 ore sono godute di domenica e le residue 12 ore possono essere godute in qualsiasi altro giorno della settimana, per i conviventi.

Inoltre, sempre relativamente ai lavoratori conviventi, è riconosciuto il diritto nel corso della loro giornata lavorativa ad un riposo, non retribuito, non inferiore alle due ore laddove la loro prestazione non si esplichi interamente nelle fasce orarie 6.00/14.00 o 14.00/22.00.

Si ricorda, infine, che eventuali prestazioni di lavoro eccedenti l’orario contrattualmente pattuito – e richieste dal datore di lavoro per sopperire a determinate e momentanee esigenze – dovranno essere retribuite con le diverse maggiorazioni previste dall’art. 16, comma 3, Ccnl Lavoratori domestici, per il lavoro straordinario.